Is Ebola over?

Matteo Biatta fotografo

Is Ebola over?

http://matteobiatta.photoshelter.com/gallery/Is-Ebola-over/G0000wN.dJoxPF1g/

Matteo Biatta fotografo

Is Ebola over? nella foto cartello che indica il comportamento da osservare per evitare i contagi da Ebola sanità Lunsar 29/03/2016 foto Matteo Biatta fotografo
Is Ebola over? in the picture sign indicating the behavior to be observed to prevent the contagion from Ebola Ebola outbreak health Lunsar 29/03/2016 photo by Matteo Biatta photographer

Matteo Biatta fotografo

Is Ebola over?  nella foto lavaggio e disinfezione mani sanità Lunsar 04/04/2016 foto Matteo Biatta fotografo
Is Ebola over?  in the picture washing and disinfecting hands health Lunsar 04/04/2016 photo by Matteo Biatta photographer

Matteo Biatta fotografo

Is Ebola over?  nella foto Adama durante le pulizie con abbigliamento protettivo sanità Lunsar 18/03/2016 foto Matteo Biatta fotografo
Is Ebola over? in the picture Adama cleaning with protective wear health Lunsar 18/03/2016 photo by Matteo Biatta photographer

Matteo Biatta fotografo

Is Ebola over?  nella foto pazienti in una delle stanze usate per i malati con diagnosi di EVD durante l’epidemia di Ebola sanità Lunsar 16/03/2016 foto Matteo Biatta fotografo
Is Ebola over? in the picture patients in a room used for patients affected of EVD during the Ebola outbreak health Lunsar 16/03/2016 photo by Matteo Biatta photographer

Matteo Biatta fotografo

Is Ebola over?  nella foto medici in sala operatoria durante un intervento sanità Lunsar 14/03/2016 foto Matteo Biatta fotografo
Is Ebola over?  in the picture doctors in the opereting room during a surgery health Lunsar 14/03/2016 photo by Matteo Biatta photographer

Matteo Biatta fotografo

Is Ebola over? nella foto il fotografo Matteo Biatta illumina l’area di lavoro del dottor John Yiga durante un intervento di parto cesareo. sanità Lunsar 25/03/2016 foto Matteo Biatta fotografo
Is Ebola over?  in the picture doctor photographer Matteo Biatta lights the work area of doctor John Yiga during a caesarean section health Lunsar 25/03/2016 photo by Matteo Biatta photographer

Matteo Biatta fotografo

Is Ebola over? nella foto pazienti sanità Lunsar 05/04/2016 foto Matteo Biatta fotografo
Is Ebola over? in the picture patients health Lunsar 05/04/2016 photo by Matteo Biatta photographer

Matteo Biatta fotografo

Is Ebola over? nella foto Fra Michael Koroma insegna nella scuola infermieri sanità Lunsar 04/04/2016 foto Matteo Biatta fotografo
Is Ebola over? in the picture Brother Michael Koroma teaches in nurses school health Lunsar 04/04/2016 photo by Matteo Biatta photographer

Matteo Biatta fotografo

Is Ebola over?  nella foto bambini nella Bakita School. Qui ci sono 393 studenti, tra cui 102 orfani di Ebola. In questa foto, i bambini recitano, come in una filastrocca, i sintomi di Ebola. In questo modo imparano a riconoscere la malattia e a capire quando un abitante del villaggio potrebbe essere contagioso sanità Lunsar 17/03/2016 foto Matteo Biatta fotografo
Is Ebola over?  in the picture children in the Bakita School. There are 393 students, including 102 Ebola orphanes. in this capture, children recit Ebola synthoms as a doggerel. In this thing they learn to recognize Ebola and know when a person in the village may be contagious health Lunsar 17/03/2016 photo by Matteo Biatta photographer

Matteo Biatta fotografo

Is Ebola over?  nella foto il villaggio di Mange Acre a 10 chiometri da Lunsar, nella foresta. Questo villaggio è talmente isolato che Ebola non è mai arrivata. Bambini giocano nel villaggio sanità Mange Acre 18/03/2016 foto Matteo Biatta fotografo
Is Ebola over?  in the picture Mange Acre village ten kilometres from Lunsar, in the forest. This village is very isolated and Ebola has never arrived. Children play together in the village healt Mange Acre 18/03/2016 photo by Matteo Biatta photographer

Matteo Biatta fotografo

Is Ebola over? nella foto il villaggio di Mange Acre a 10 chiometri da Lunsar, nella foresta. Questo villaggio è talmente isolato che Ebola non è mai arrivata. Una donna cucina pesce sanità Mange Acre 18/03/2016 foto Matteo Biatta fotografo
Is Ebola over?  in the picture Mange Acre village ten kilometres from Lunsar, in the forest. This village is very isolated and Ebola has never arrived. Woman cooking fish healt Mange Acre 18/03/2016 photo by Matteo Biatta photographer

Matteo Biatta fotografo

Is Ebola over? nella foto nessuna sepoltura per i malati di Ebola. Durante l’epidemia i cadaveri venivano portati al cimitero e bruciati per evitare i contagi. Ancora oggi, ci sono zone di terra completamente bruciate sanità Lunsar 17/03/2016 foto Matteo Biatta fotografo
Is Ebola over?  in the picture no buried for Ebola people died. During the outbreak, the corpses were brought at the cimitery and burned against new infections. Still now, there are many cimitery zone totally burned health Lunsar 17/03/2016 photo by Matteo Biatta photographer

Matteo Biatta fotografo

Is Ebola over? nella foto il Centro di Trattamento per Ebola di Lunsar gestito dall’ IMC (International Medical Corps). Ora è vuoto, non ci sono più ricoverati con diagnosi di EVD (Ebola Virus Disease). Tuttavia, il personale non consente ai visitatori di calpestare il terreno che ha ospitato i pazienti durante l’epidemia sanità Lunsar 17/03/2016 foto Matteo Biatta fotografo
Is Ebola over?  in the picture the Ebola Treatment Center in Lunsar run by IMC (International Medical Corps). Now the center is empty, there aren’t patients with EVD diagnosis (Ebola Virus Disease). However, doctors prohibit the entrance so as not to step on the ground that hosted the sick during the outbreak health Lunsar 17/03/2016 photo by Matteo Biatta photographer

Matteo Biatta fotografo

Is Ebola over? nella foto Fatmata Sesay 19 anni ha sofferto d’Ebola due mesi e ha perso quattro familiari. E’ incinta di otto mesi sanità Kontabana village 29/03/2016 foto Matteo Biatta fotografo
Is Ebola over?  in the picture Fatmata Sesay 19 years old She had suffered of Ebola two months and she lost four relativies. Now she is pregnant from eight months health Kontabana village 29/03/2016 photo by Matteo Biatta photographer

Matteo Biatta fotografo

Is Ebola over? nella foto Hassan Conteh 6 anni ha sofferto d’Ebola per un mese e ha perso la mamma ed il papà sanità Kontabana village 29/03/2016 foto Matteo Biatta fotografo
Is Ebola over?  in the picture Hassan Conteh 6 years old had suffered of Ebola for one month and he lost mother and father health Kontabana village 29/03/2016 photo by Matteo Biatta photographer

Matteo Biatta fotografo

Is Ebola over? nella foto fratellini con cognomi diversi Adulah Conteh 6 anni e Isatu Kargbo 4 anni hanno perso sei familiari tra cui la mamma ed il papà sanità Villaggio Kontabana 31/03/2016 31/03/2016 foto Matteo Biatta fotografo
Is Ebola over?  in the picture Adulah Conteh 6 years old and Isatu Kargbo 4 years old lost six relativies including mother and father health Kontabana Village 31/03/2016 photo by Matteo Biatta photographer

Matteo Biatta fotografo

Is Ebola over? nella foto preghiera del venerdy in moschea sanità Lunsar 01/04/2016 foto foto Matteo Biatta fotografo
Is Ebola over?  in the picture friday prayer in the mosque health Lunsar 01/04/2016 photo by Matteo Biatta photographer

Matteo Biatta fotografo

Is Ebola over? nella foto partita del campionato di calcio regionale femminile Wolf FC vs Arthur FC. Il campionato è stato sospeso per un anno e mezzo, da maggio 2014 a novembre 2015, mese in cui è finita l’epidemia di Ebola. Nella foto pubblico a bordo campo sanità Lunsar 22/03/2016 foto foto Matteo Biatta fotografo
Is Ebola over? in the picture match of female football regional championship Wolf FC vs Arthur FC. Championship was stopped for one year half, from may 2014 to novembre 2015, when Ebola epidemic was finished. In the picture people on the board of camp health Lunsar 22/03/2016 photo by Matteo Biatta photographer

Matteo Biatta fotografo

Is Ebola over? nella foto partita del campionato di calcio regionale femminile Wolf FC vs Arthur FC. Il campionato è stato sospeso per un anno e mezzo, da maggio 2014 a novembre 2015, mese in cui è finita l’epidemia di Ebola. Nella foto pubblico a bordo campo sanità Lunsar 22/03/2016 foto foto Matteo Biatta fotografo
Is Ebola over? in the picture match of female football regional championship Wolf FC vs Arthur FC. Championship was stopped for one year half, from may 2014 to novembre 2015, when Ebola epidemic was finished. In the picture people on the board of camp health Lunsar 22/03/2016 photo by Matteo Biatta photographer

Matteo Biatta fotografo

Is Ebola over? nella foto sopravvissuti all’Ebola nell’Hamlet village Qui sono morte più di 100 persone durante l’epidemia. Saffiatu Fofanah ha sofferto d’Ebola ha sofferto d’Ebola due mesi, ha perso il marito, un fratello, una sorella e nove figli. Dopo la malattia ha trovato un altro marito che a sua volta ha sofferto d’Ebola, è rimasta incinta ma ha perso il decimo figlio in gravidanza. Nella foto mostra il posto dove, contravvenendo alla legge della Sierra Leone durante l’epidemia di Ebola, ha seppellito il marito e due figli sanità villaggio Hamlet 21/03/2016 foto foto Matteo Biatta fotografo
Is Ebola over?  in the picture Ebola survivors in Hamlet Village. Here over 100 peopòe died during the Ebola outbreak. Saffiatu Fofanah had suffered of Ebola for two months, she lost housband, one brother, one sister and nine sons. After disease she find another housband who have suffered of Ebola and became pregnant. She lost the tenth son. In the picture she shows the place where she buried her housband and her two sons in contravention to laws of Sierra Leone during the Ebola outbreak healt Hamlet village 21/03/2016 photo by Matteo Biatta photographer

Matteo Biatta fotografo

Is Ebola over? nella foto bambini si aggirano nei pressi del falò acceso per bruciare i rifiuti ospedalieri infetti in cerca di oggetti con cui giocare sanità Lunsar 26/03/2016 foto foto Matteo Biatta fotografo
Is Ebola over?  in the picture children walk around fire for burn infectious wastes, trying things for play health Lunsar 26/03/2016 photo by Matteo Biatta photographer

Matteo Biatta fotografo

Is Ebola over? nella foto gli addetti al trasporto delle salme svolgono il loro lavoro indossando il PPE (Personal Protective Equipment) per eliminare ogni probabilità di contrarre qualunque malattia infettiva. Questa regola è presente in ospedale da quando è scoppiata l’epidemia di Ebola sanità Lunsar 24/03/2016 foto foto Matteo Biatta fotografo
Is Ebola over? in the picture men carrying the bodies wear PPE (Personal Protective Equipment) for excluding any chances of contract any contagious disease. This rule is present in the hospital since Ebola outbreak begin health Lunsar 24/03/2016 photo by Matteo Biatta photographer

Matteo Biatta fotografo

Is Ebola over? nella foto gli addetti al trasporto delle salme svolgono il loro lavoro indossando il PPE (Personal Protective Equipment) per eliminare ogni probabilità di contrarre qualunque malattia infettiva. Questa regola è presente in ospedale da quando è scoppiata l’epidemia di Ebola. Purtroppo i parenti dei defunti non rispettano questa regola, rendendo inutile ogni precauzione sanità Lunsar 24/03/2016 foto Matteo Biatta fotografo
Is Ebola over?  in the picture men carrying the bodies wear PPE (Personal Protective Equipment) for excluding any chances of contract any contagious disease. This rule is present in the hospital since Ebola outbreak begin. Unfortunately, the relatives of the deceased do not respect this rule, rendering useless any precaution health Lunsar 24/03/2016 photo by Matteo Biatta photographer

Matteo Biatta fotografo

Is Ebola over? nella foto gli addetti al trasporto delle salme svolgono il loro lavoro indossando il PPE (Personal Protective Equipment) per eliminare ogni probabilità di contrarre qualunque malattia infettiva. Questa regola è presente in ospedale da quando è scoppiata l’epidemia di Ebola sanità Lunsar 24/03/2016 foto foto Matteo Biatta fotografo
Is Ebola over? in the picture men carrying the bodies wear PPE (Personal Protective Equipment) for excluding any chances of contract any contagious disease. This rule is present in the hospital since Ebola outbreak begin health Lunsar 24/03/2016 photo by Matteo Biatta photographer

Matteo Biatta fotografo

Is Ebola over?  nella foto operai in magazzino stoccano casse contenenti 15000 PPE (Personal Protective Equipment) sanità Lunsar 06/04/2016 foto foto Matteo Biatta fotografo
Is Ebola over? in the picture workers in warehouse settle packs with 15000 PPE (Personal Protective Equipment) health Lunsar 06/04/2016 photo by Matteo Biatta photographer

 

Matteo Biatta fotografo

Un mese in Sierra Leone. Diecimila fotografie che testimoniano un’epidemia che continua ad influenzare la vita di un popolo. Ebola. Il titolo è una domanda, a cui non sappiamo dare una risposta definitiva.
Ebola sembra conclusa con l’ultimo malato dichiarato guarito il 18 marzo 2016, una data da festeggiare come il giorno della liberazione.
Matteo Biatta era stato in Africa, in Togo e Benin nel 2014 per raccontare gli Ospedali costruiti sul finire degli anni sessanta dal Fatebenefratelli.

Torna con il desiderio di ripartire. Riparte nel 2016 per la Sierra Leone e fotografa la situazione post ebola, un’epidemia che ha spaventato e sconvolto il mondo. Una malattia letale e contagiosa, diffusasi in un paese dove il Fatebenefratelli ha perso per il virus dodici collaboratori e nel quale cerca, attraverso le proprie strutture, di educare la popolazione ad evitare il contagio ed ad adottare tutte le misure di prevenzione.
Il racconto di Biatta è quello di un testimone diretto: per un mese vive a contatto con i superstiti e il dolore delle loro perdite, le paure di una nuova diffusione, dove sai che se non ti lavi le mani o tocchi la persona sbagliata rischi di morire. Contemporaneamente però Ebola è stata dichiarata sconfitta e la gente ritorna alla vita, restando in bilico tra la voglia di vivere e la paura di una ricaduta all’inferno.

Si torna a giocare a calcio, attività che era stata bandita. Erano state vietate le manifestazioni di entusiasmo tra gli spalti e il contatto durante il gioco. Si ritorna alla condivisione, alla leggerezza delle cose quotidiani, normali. Il contraltare è una fotografia che ci dice che per entrare in un luogo pubblico serve misurarsi la febbre. Se decidi di non sottoporti alla prova, non entri. E’ come se tutto fosse sospeso, come se da fuori vedemmo che tutto è tornato alla quotidianità, ma restassimo in attesa dell’attacco esterno da parte del nemico.
Andiamo a scuola, le maestre ci insegnano filastrocche da cantare come metodo per comunicare al maggior numero di persone i sintomi e i modi per evitare il contagio. E in contrapposizione c’è quella bambina che cerca nuovi giochi tra i rifiuti dell’ospedale che stanno bruciando all’interno del cortile dello stesso.

Siamo perennemente in bilico. Pensiamo che sia tutto finito, ma sappiamo che questa condizione è fragile, debole, precaria.
Conviviamo con il dolore degli altri. La fotografia è una finestra spazio-temporale che per un attimo ci porta ad essere lì con l’uomo che a mani nude sposta il cadavere del fratello, con l’addetto che si porta le mani al volto in un gesto di riflessione, con gli occhi bagnati ha lo sguardo abbassato, come se stesse ripensando a tutti i dolori che i suoi occhi hanno dovuto sopportare.
All’interno dell’ospedale si continua a lavorare convivendo con i segni del passaggio di Ebola: le barre di colori diversi che segnalavano durante l’epidemia la gravità dei casi ospitati. Permangono e sono una croce pesante da sopportare, un perenne monito che spinge alla massima attenzione. E allora l’inserviente sparge acqua clorata per tutto lo spazio dell’ospedale più volte nell’arco di una giornata, troviamo distributori d’acqua posizionati all’interno per poter sempre avere la possibilità di lavarsi le mani. In un rito perenne, quasi automatico. Ogni gesto deve essere prima pensato, poi attuato. Anche i gesti automatici, normali vengono sottoposti alla ragione.
La vita continua, si continua ad operare, anche quando la luce all’interno della sala operatoria viene a mancare e il fotografo aiuta i medici utilizzando l’illuminazione del proprio telefono cellulare.
La verità resta sospesa nella domanda del titolo: da una parte abbiamo il centro dove vennero raccolti i malati durante l’epidemia, il cui ingresso è negato al fotografo. Non può che rendercelo nella drammaticità di quella catena e di quella desolazione da paesaggio post atomico. Ebola c’è in quella macchia grigia di cenere accanto alle tombe del cimitero, nell’uomo che trasporta gli scatoloni contenenti le tute protettive, nel falò in cui viene bruciato il materiale potenzialmente contaminato.
In alcuni luoghi però Ebola non è arrivata e Matteo Biatta ci racconta come in alcuni villaggi la vita sia andata avanti come se nel resto del territorio non fosse accaduto nulla.
Ebola aleggia in ogni scatto, attraverso la paura del contagio, la morte, il dolore o attraverso la liberazione da una peso mortale come nei potenti ritratti dei sopravvisuti, inondati di luce quasi religiosa.
Il fotografo deve fare i conti con il dolore degli altri e Matteo Biatta lo fa con grande responsabilità verso il soggetto, non lo riduce a dramma, ne riconosce il dramma e attraverso la fotografia gli dona dignità. La fotografia è uno strumento per indagare gli aspetti umani, politici e sociali, il mezzo per dare loro una forma. La fotografia è un invito: il fotografo ci porta in una direzione con il suo racconto, ma il resto del percorso lo facciamo noi spettatori.
Il fotografo ha una responsabilità, è un testimone per la memoria collettiva. La fotografia ha una grandissima forza comunicativa, possiede una solo lingua che potenzialmente può arrivare a tutti. Dobbiamo avere la capacità di non essere spettatori passivi o cinici, attraverso la fotografia abbiamo la possibilità di metterci in discussione; un’immagine di sofferenza non dovrebbe solo dirci è così ma implicitamente dovrebbe dirci questo non deve più accadere. Il fotografo ci mostra la realtà in maniera molto più profonda delle altre arti, ci fa avere per un attimo gli stessi occhi dell’autore.
Chissà quante volte anche Matteo Biatta si sarà chiesto davanti a scene particolarmente forti se scattare o no in quel preciso istante. E noi guardando le fotografie ci chiediamo se al suo posto avremmo fatto lo stesso. Chissà quante fotografie sono state scattate e mai mostrate, quante vivono tra senso di colpa e desiderio di documentare. O se esistono (o meglio non esistono) fotografie che avremmo voluto scattare e per pudore, paura, condivisione profonda non abbiamo scattato, che restano solo come fermoimmagine nella nostra memoria. Fotografare è necessario, fondamentale per raccontare e testimoniare. Il fotografo ha un grande peso sulle spalle che consiste nella ricerca della verità e nella ricerca di mettere ordine al caos del mondo. Con la macchina fotografica raccontiamo noi stessi guardando il mondo e soprattutto nel mondo del reportage il fotografo sente di dover essere sincero, di portare chi guarda ad una maggiore consapevolezza, ad una scelta, ad una posizione, partendo dal presupposto che noi spettatori abbiamo un ruolo importante ed attivo all’interno del racconto fotografico.

Luisa Bondoni

Top